Fabio Franzin
 
 *Homepage 
 carta da navigare 
 *libri consigliati 2008-2006 
 libri consigliati 2005-2004 
 libri consigliati 2002-2003 
 *saggi: Alberto M. Cirese 
 saggi: Nicola Lalli 
 poesia psicoanalisi antropologia 
 poesia psicoanalisi antropologia 
 *kinoglaz-doc: visioni scelte 
 arcoiris tv: cinema 1914-1956 
 arcoiris tv: cinema 1931-1978 
 *Franco Costabile 
 Giuseppe Impastato 
 Franco Scataglini 
 Salvatore Toma 
 *ensayos: Marķa Zambrano 
 ensayos: P. Mora 
 ensayos: P. Mora O. Portela 
 sobre la guerra 
 poemas: P. Mora E. Dalter 
 poemas: J. Falcone O. Portela 
 *antropologi narranti 
 scrittori medici 
 *Silvana Baroni 
 Vivian Lamarque 
 Anne Sexton 
 *webmater E. De Simoni: 
 immagini: Molise 
 beni immateriali 
 scritture di antropologia 
 poesie terapie 
 analisi urbane 
 di sguardi di luoghi 
 sconfinamenti 
 poesie musei 
 poesie terra 
 poesie ali 
 *silloge: M. Agostinacchio 
 silloge: F. Alborghetti 
 silloge: R. Astremo 
 silloge: N. Bidoia 
 silloge: P. Fichera 
 silloge: F. Franzin 
 silloge: C. Grattacaso 
 silloge: R. Ibba 
 silloge: G. Impaglione 
 silloge: C. Pagelli 
 silloge: M. Corsi 
 silloge: M. Pizzi 
 silloge: L. Rocco 
 silloge: M. Saya 
 silloge: A. Spagnuolo 
 silloge: N. Stramucci 
 contributi poetici 
 contributi poetici 
 *risorse web 
 *contatto 
 
 
 
Squasi un rosario
 
 
(Quasi un rosario)
 
Nel dialetto Veneto-Trevigiano dell’Opitergino-Mottense
 
 
(Dire la verità  nel vuoto,  / perché non c’è parola vera)
    
Cesare Viviani, da “Silenzio dell’Universo”, Einaudi




(Come si mangia un pane
non invocano il Nome)
 
Bibbia, Salmi, libro primo, 14
[Da “I salmi”, Einaudi 1967,
traduzione di Guido Ceronetti]
 
Pan e paròe
 
l’é sempre stat ‘l mé past,
‘a mé eucarestia; senpre
l’é stat carestia de schèi
tee mé scassèe, caro Dio
 
tì te ‘o sa, e te sa che mai
te ‘ò domandà un calcòssa
de pì, che senpre quel che
te me ‘à dat ‘l me ‘à bastà
 
ma ‘e paròe che conzha
chee dó fete de pan le ‘é
senpre ‘e mie, quee che
ghe ‘ò sgrafà via dal jazh,
 
dal siénzhio, e ‘a fame che
me cresse drento la ‘é quea
dee tue, de una soea, inmanco.
Fàme savér se te son caro,
 
se te me tièn de cont, fàea
anca tì ‘a tó part, saràe ora
no, no’ te par? Fàme ‘rivar
zo ‘na pàrticoea de pase,
 
‘na vose fata sol de un rajo
de ciaro; son qua co’e man
vèrte che la spète, al scuro,
co’e fete de chel pan. Za duro.
 
 
Pane e parole // sono sempre state il mio pasto, / la mia eucaristia; sempre / è stata carestia di lusso / nella mia vita, caro Dio // tu lo sai, e sai che mai / ti ho chiesto qualcosa / in più, che sempre ciò che / mi hai donato mi è bastato // ma le parole che farciscono / quelle due fette di pane sono / ancora una volta  le mie, quelle che / ho graffiato via dal ghiaccio, // dal silenzio, e la fame che / mi cresce dentro è quella / delle tue, di una sola, almeno. / Fammi sapere se ti sono caro, // se ti sono importante, falla / anche tu la tua parte, sarebbe ora / no, non ti sembra? Mandami / giù una particola di pace, // una voce fatta solo di un raggio / di luce; sono qui, fermo, con le mani / aperte che la attendo, al buio, / con le fette di quel pane. Ormai raffermo.
 
 


Mì no’ so parché no’ te èpie
mai vussù mostrarte, no’ te
te sie mai degnà de risponderme.
 
Pense de ‘verte mandà su romài
tante paòe come ‘e stée tel cel;
te ‘ò ciamà e parfìn bestemà,
 
domandà in imòsena ‘na fede
che te ‘à continuà, ma cussì
ciuso, tasendo, a farme mancàr.
 
‘Ò ninà el sogno pì sant che sie
e ‘ò ribandonà squasi del tut
òni speranza. El tó siénzhio l’é
 
stat sempre ‘a risposta pì curta
e crudhèe. Creder ‘na forza che
farà sióra sol l’ànema de cheàltri
 
forse. O forse sóneo stat mì,
puro fra tuta chea gaeàssia
de segni, a no’ ver savù dopràr
 
‘a paròea justa, quea che inpasta
un nome, el sol che pòl sbregàr
el scuro, sfantàr tut ‘sto spetàrte?
 
 
Non capisco perché tu non abbia / mai voluto mostrartimi, non ti / sia mai degnato di rispondermi. // Credo di averti inviato ormai / una costellazione di parole; / ti ho invocato e persino bestemmiato // chiesto l’elemosina di una fede / che hai continuato, cocciuto, / tacendo, a negarmi. // Ho cullato la più sacra delle illusioni / e abbandonato quasi del tutto / ogni speranza. Il Tuo silenzio è / stata sempre la risposta più avara / e crudele. Credere una forza che / arricchirà solo l’anima di altri // forse. O forse sono stato io, / pur fra tutto quel firmamento / di segni a non aver saputo usare // la parola perfetta, quella che impasta / un nome, l’unico (sole) che può squarciare / le tenebre, porre fine a questa estenuante attesa?
 
 


Ma dìsemea tì, ‘lora, ‘a paròea
che no’ vièn, dìseme quaea
che convièn scanceàr, co’ l’aqua
 
‘e moéne; ‘a paròea che porta
‘a pase e quea che ghe sgrafa
via zhigàdhe al ciaro, diséme
 
‘a paròea co’e àe bianche
e quea che ‘a casca dreta
in mèdho al doeór, quea
 
dea busìa o quea che cura,
che scura ‘a sóea piàn te l’aria
come ‘na fòjia, ‘na cometa
 
quea che spaca ‘a nosa dei parché
e ‘a ne mostra el scopo dea vita,
‘a só meta. Dìsemea tì, te preghe.
 
 
Ma dimmela tu, allora, la parola / che non viene, dimmi quale / conviene cancellare con l’acqua // le molliche; la parola che porta / pace e quella che strappa / urla alla luce, dimmi // la parola dalle bianche ali / e quella che cade dritta / in centro al dolore, quella // che tradisce oppure quella che lenisce / che scura vola lieve nell’aria / come una foglia, una cometa // quella che spacca la noce d’ogni mistero / e ci indica lo scopo di questo viaggio, / la sua meta, dimmela Tu, ti prego.
 
 


O inmanco fa che ‘e se toche
fra de lore ‘e paròe, che ‘e me cante
drento come un’eco de erba, de mar
 
che ‘e sìabe ‘e pòsse córer tranquìe
e no’e vae a sbater contro a pieróni,
crèpi o busìe, tel viàjio che le vòl
 
che ‘e bute su bèe dai sbrèghi jàzhi
de un insòno ‘ncora urtà dai lanpi
scuri de chea paura che l’à segnà
 
‘a polpa de ‘na orazhión, dea carezha
scrita tee palme zonte, piène de cai;
fa che pin piàn ‘e se cae tea neve
 
ssuta, che ‘l vent no’ le pare via,
no’ le inmuce ssite tel cantón
del mai. Fa che ‘e intóne ‘ncora
 
un rosario che schinche el rancór,
che ‘l siàme un fià aa volta
el se infissìsse, che nissun zhigo
 
de orór le sparpàgne voltra
i confini muisìni del nient,
longo ‘i neri spinàti del siénzhio.
 
 
O almeno fa che si tocchino / fra di loro le parole, che rintocchino in me / come un’eco d’erba, di mare // che le sillabe si snodino fluide / e non incoccino in scogli, / crepacci o bugie nel viaggio che le chiede // che zampillino dalle gelide brecce / di un sonno ancora scosso dai cupi / lampi del panico che incise // la polpa di un salmo, della carezza / tatuata nelle palme giunte, callose; / fa che lente si posino nell’asciutta // neve, che il vento non le spazzi via, / non le raggrumi inerti nel cantone / d’oblio. Fa che cantino, ancora, // un rosario che pieghi il rancore, / che lo sciame, poco a poco / si infittisca, che nessun grido // d’orrore le disperda, le sparpagli oltre / i flaccidi margini del nulla, / lungo la lisca oscura del silenzio.
 
 


Inmanco vèrdeme tel cuòr
‘na spièra de pase, fame
‘ver un fià pì de coràjo
 
o móstremeo, chel portón,
anca se so che ‘l sarà serà
par mì, son sicuro vaerà
 
el viàjo: ‘rivàr là, bàter
coi pugni tel fèro, pontàr
i pie, provàr a fracàrlo…
 
un ràjio sol, te preghe,
un tòrcoeo de stée, a mì,
che stae tel cortìo scuro
 
de ‘sta vita come un can
rabióso, l’òss de ‘na busìa
strendù a sgrinciàr tii denti,
 
ligà a ‘na cadhéna de paròe
sempre pì curta, cussì stràc
de ‘baiàrghe drio ae onbre.
 
 
Almeno apri in me / uno spiraglio di pace, fammi / trovare un po’ più di coraggio // oppure fammelo  intravedere, quel portale, / anche se so che sarà chiuso / per me, sono certo, varrà // il viaggio: giungere là, picchiare / coi pugni nel ferro, puntare / i piedi, tentare di spingerlo… // un raggio solo, ti prego, / un vortice di luce, a me, / che sto nel cortile buio // di questa vita come un cane / rabbioso, l’osso di una bugia / stretto a crocchiare fra i denti, // legato a una catena di parole / sempre più corta, e così stanco / di abbaiare dietro alle ombre.
 
 


‘Ò ‘na crose de fògo
che me arde tel cuòr
 
caro Dio, ‘na bronzha
continua che ‘a brusa
 
‘l soriso che sfòrzhe
tel viso a ‘scónder via
 
parché chi che me ama
no’ l’èpie da sofrìr. Ma
 
‘sta smania scava siénzhi
che zhiga drento ‘a carne
 
‘na fame che ‘l pan no’ basta.
‘E stée me mostra ‘l solièvo
 
de l’eterno. Però ‘a nòt che
mé pare l’é mort ièra caìvo.
 
 
Ho una croce di fuoco / che mi arde nell’anima // caro Dio, una brace / perpetua mi ustiona // il sorriso che sforzo nel viso a menzogna // affinché chi mi ama / non debba soffrire. Ma // questa smania scava silenzi / che urlano fra le carni // una fame che il pane non basta. / Nelle stelle intravedo il sollievo // dell’eterno. Però la notte che / mio padre è mancato c’era la nebbia.
 
 


Fissa, e bisa l’onbra
drento qua, fra ‘l cuòr
e l’ànema; un torbiòzh
missià su co’l siénzhio
 
a scavàr tròdhi de paura,
sbranàr via ‘e létere zae
tee paròe dea memoria.
E tea tèra romài vedova
 
del ben, un el sta, stràc
a vardàr ‘a nòt cascàr
zo de colpo: taparèa
de stée e de mistero.
 
El sinte ‘e ganbe farse
mòe, ‘e man ‘vizhinàrse
in fra de lore, el corpo
‘l se trova za inzenocià
 
co’ i palmi che se zonta
(‘e orazhión sgorga daa
góea aa vose a paràr fòra
chel fun). Oh, purificazhión.
 
 
Densa, e grigia l’ombra / dentro me, fra il cuore / e l’anima; una foschia / mischiata col silenzio // a scavare solchi di paura, / sbranare le lettere dorate / nelle parole della memoria. / E nella terra ormai vedova // del bene, uno sta, stanco / a guardare la notte che cade / di colpo: serranda / di stelle e misteri. // Sente le gambe / cedergli, le mani avvicinarsi / fra di loro, il corpo / si ritrova già inginocchiato // coi palmi congiunti / (le suppliche sgorgano dalla / gola alla voce ad espellere / quel fumo). Oh, purificazione.



… che le ‘vee perse in mèdho
ae ortìghe, ‘e mé preghiere
 
da bociàzha, e fea paura, ‘lora
sfurigàr drento a chel bàro
 
de erbàte che bèca. Ma quante,
caro Dio, ‘e ròbe coi denti,
 
quanti ‘i spini, drio ‘e paròe
rancuràdhe, po’, lontàn da tì,
 
a palpéta, fra scuro e caìvo,
e quante ‘e ortìghe ‘sconte
 
tel cuòr dei mé siénzhi, quanta
‘a spizha fra i déi e l’ànema,
 
smania che ‘spèta ‘ncora
‘a carezha de un tό segno,
 
opùra un falzhìn ugà, là,
te chel prà ribandonà, e chissà
 
che se svéjie ‘e bianche pavéjie
dea verità, che ‘l sό sόeo dae pase.
 
 
… che le avevo perse in mezzo / alle ortiche, le mie preghiere, // da bambino, ed ebbi paura, allora / a frugare in quell’intrico // d’erbe che pungono. Ma quante, / caro Dio, le cose con fauci, // quante le spine, oltre le parole / raccolte, poi, lontano da te, // a tentoni, fra buio e nebbia, / e quante le ortiche celate // nel cuore dei miei silenzi, quanto / prurito fra le dita e l’anima, // smania che attende ancora / la carezza di un tuo segno, // oppure una falce affilata, lì, / in quel prato incolto, e chissà // che si destino le bianche farfalle / della fede, che il loro volo rechi pace.
 


Vose s.cèta, vose che spèta
senza astio ‘a risposta che no’
‘riva. Vose come nose: dura
scòrzha, ciaro e amaro cuòr;
 
vose che nissùn rancόr pièga,
che prega e bestéma ‘l stesso
dio, che se ‘iuta co’e man co’
ocόre, e che dadrìo ghe scόre
 
zighi e sorìsi, paròe incalmàdhe
co’a paura, sgrafàdhe de siénzhi
scuri, de carézhe busière; vose
che anca se dise cortèl no’a tajia,
 
vose che perdona e che sbajia
‘a mira, che ‘baia contro ‘a luna
bianca del pecà, che όsa sotvose,
vose mia, cara, ferìa, che canta
 
insieme ai fiori e l’erba, che fa
crose, te l’aria, vose missiàdha
su co’ fòjie e stée, co’a piova.
Prova, prova istéss a ciamàr…
 
 
Voce sincera, voce che attende / senza astio la risposta che non / giunge. Voce come noce: duro / guscio, candido e amaro il cuore; // voce che nessun rancore piega, / che prega e bestemmia lo stesso / Dio, che si aiuta con le mani quando / serve, e che in sé cela un torrente // di grida e sorrisi, di parole innestate / alla paura, graffiate di silenzi / bui, di carezze ruffiane; voce / che anche se dice coltello non incide, // voce che perdona e che sbaglia / la mira, che abbaia alla bianca / luna del peccato, che urla sommessa, / voce mia, cara, ferita, che canta // insieme ai fiori e l’erba, che traccia / croci nell’aria, voce impastata / con foglie e stelle, con la pioggia. // Persisti, persisti ancora: invoca…
 
 


(Scondicuc)
 
Lo  ‘vée fat pa’ zogàr,
sol pa’ farghe un scherzo,
una de chee monàdhe
che a volte un pare ghe 
fa al sό putèl, cussìta…
parché ‘l pensa che sie
bèl, de farlo ridér… ma
co’ lo ‘ò vist là, (mì scont
drio un àlbaro) fermo, fra
i sasséti dea stradhéa, co’
‘e sό braghesséte curte,
el baretìn, caro cèo mio,
e ’ò capìo che ‘l se sintìa
pers in mèdho al parco, pièn
de paura, sol e ribandonà,
‘i òci ‘ndar de qua e de ‘à,
de ‘à e de qua, senza catàr
‘a sόea figura ‘ndo’ che
i varàe podhù sintirse sicuri…
te che l’àtimo (parché no’
l’é stat altro che un istante)
‘ò sintìo ‘l cuòr sbregàrse,
vèrderse come se ‘na lama…
 
e mì, e ‘a mé ànema, caro
Dio, e tì, che tii vede òni
minùt da tanti de chii àni
i mé òci persi, te domande:
 
situ senza, o l’atu forse fat
de pièra, de fèro el tό cuòr?
 
 
 
(Nascondino)
 
Lo avevo fatto per gioco, / solo per scherzo, / una di quelle stupidaggini / che a volte un padre / fa a suo figlio, così… / perché pensa riesca / bene, di farlo ridere… ma / quando l’ho visto lì, (io nascosto / dietro un albero) fermo, fra / il ghiaino del sentiero, con / i suoi pantaloncini corti, / il berrettino, caro piccolo mio, / e ho compreso che si sentiva / perso in mezzo al parco, impaurito, / solo e abbandonato, / gli occhi vagare qua e là, / là e qua, senza scorgere / l’unica figura dove / avrebbero potuto sentirsi protetti… / in quell’attimo (perché non / è stato altro che un istante) / ho sentito il cuore lacerarsi, / spezzarsi come se una lama… // ed io, e la mia anima, caro / Dio, e tu, che lo scorgi ogni / istante da così tanti anni / il mio sguardo perso, ti chiedo: // ne sei privo, o ce l’hai forse / di pietra, di ferro il tuo cuore.



Fabio Franzin è nato nel 1963 a Milano. Vive a Motta di Livenza, in provincia di Treviso. Ha pubblicato le seguenti raccolte poetiche: “EL COEOR DEE PAROE” scritto nel dialetto dell’Opitergino-Mottense, con la prefazione di Achille Serrao; Zone, 2000; nel 2005, sempre in dialetto “CANZÓN DAA PROVENZA (e altre trazhe d’amór)” (premio “Edda Squassabia 2004) Fondazione Corrente, Milano; ancora nel 2005, “IL GROVIGLIO DELLE VIRGOLE” premio “Sandro Penna 2004 sezione inedito” con introduzione di Elio Pecora, Stamperia dell’arancio; nel 2006; in dialetto “PARE (padre)”, con introduzione di Bepi de Marzi, Helvetia; nel 2007 “MUS.CIO E ROE (Muschio e spine)”, Le voci della luna, con introduzione di Edoardo Zuccato, “Premio S. Pellegrino Terme”, “Superpremio Insula Romana”; e, in E-book, “ENTITÀ” (Biagio Cepollaro E-dizioni), 2007. Una sua breve silloge: “Favole naturali (dalle colline al mare)” è uscita in “L’arcana scrittura dell’acqua”, Lineadaria, 2006; è presente, con cinque testi, nella “Seconda antologia del premio “Giuseppe Piccoli”, a cura di Paolo Campoccia, con nota di Stefano Verdino, Magenes, 2006. Per la narrativa: “LA’, DOVE C’ERA L’ERBA”, testo finalista al premio “Italo Calvino 2003, Filca Cisl. Il racconto “Lettera ai prati” è presente nel volume “IL VENETO DEL FUTURO. Sogni e visioni. Dieci racconti”, edizioni Marsilio-Corriere Veneto, 2005. Sue poesie sono apparse in numerose riviste e antologie e sono state tradotte e pubblicate in inglese, cinese, tedesco e sloveno. Ha partecipato a rassegne poetiche in Italia e all’estero.



© 2003/2009 SÉ-SITO
webmater
I diritti dei testi presenti in questa pagina sono dell'autore.
 
pagina aggiornata il 23 dicembre 2008