*Homepage 
 carta da navigare 
 *libri consigliati 2008-2006 
 libri consigliati 2005-2004 
 libri consigliati 2002-2003 
 *saggi: Alberto M. Cirese 
 saggi: Nicola Lalli 
 poesia psicoanalisi antropologia 
 poesia psicoanalisi antropologia 
 *kinoglaz-doc: visioni scelte 
 arcoiris tv: cinema 1914-1956 
 arcoiris tv: cinema 1931-1978 
 *Franco Costabile 
 Giuseppe Impastato 
 Franco Scataglini 
 Salvatore Toma 
 *ensayos: Marķa Zambrano 
 ensayos: P. Mora 
 ensayos: P. Mora O. Portela 
 sobre la guerra 
 poemas: P. Mora E. Dalter 
 poemas: J. Falcone O. Portela 
 *antropologi narranti 
 scrittori medici 
 *Silvana Baroni 
 Vivian Lamarque 
 Anne Sexton 
 *webmater E. De Simoni: 
 immagini: Molise 
 beni immateriali 
 scritture di antropologia 
 poesie terapie 
 analisi urbane 
 di sguardi di luoghi 
 sconfinamenti 
 poesie musei 
 poesie terra 
 poesie ali 
 *silloge: M. Agostinacchio 
 silloge: F. Alborghetti 
 silloge: R. Astremo 
 silloge: N. Bidoia 
 silloge: P. Fichera 
 silloge: F. Franzin 
 silloge: C. Grattacaso 
 silloge: R. Ibba 
 silloge: G. Impaglione 
 silloge: C. Pagelli 
 silloge: M. Corsi 
 silloge: M. Pizzi 
 silloge: L. Rocco 
 silloge: M. Saya 
 silloge: A. Spagnuolo 
 silloge: N. Stramucci 
 contributi poetici 
 contributi poetici 
 *risorse web 
 *contatto 
 
 




 
 
 
 
Franco Scataglini: "Senza titolo"
16x18, disegno a penna su carta


 
 
La madre che me tolse
la mela da la mano
e d'un tratto la morse:
quel suo suride strano,
  
da lusinga befarda
che sopra un'altra polpa
lascia el segno e non guarda.
In solitaria colpa
 
gustai la sua saliva
su l'impronta del morso,
amara fonte viva
d'ogni desio e rimorso.
 
Boca d'amore prima,
la porzione mancante
de la mela è la rima,
e l'assenza è l'amante
 
che ce acumpagna chiusa
nel recesso mentale
d'una domanda elusa,
perciò stesso immortale?
 
 
 
da El Sol, Mondadori 1995


 
 
 
Franco Scataglini: "Colui che cercate non è più qui"
18x19, disegno a china su carta, 1974


 
 
Tuto è corpo d'amore
 

Tuto è corpo d'amore
la tera 'l cielo 'l pa'
i ucceli de cità
spenati, senz'unore,
 
gati cessi arboreli
drento l'aiole grame,
l'esse sazi e ave' fame,
el coce sui forneli
 
- 'st'ora de mezogiorno -
de mile e mile pasti,
i luoghi streti e i vasti
liberi dal contorno,
 
i scolari che sorte
in massa da le scole
e le composte fiole
de sé più meio acorte,
 
i operai del cantiere
co' le sue azzure tute
(inteligenze mute
coi tapi del potere)
 
i ladri i questuri'
sempre dal sud sortiti
- musi guzi aneriti
schiene da signorsì -
 
le casalinghe (strane
anime d'umidicio)
quele che va in uficio
le operaie le putane,
 
i fenochi estromessi
de l'ama' 'nte 'l dicoro,
tuti i ribeli, loro,
che manco a vive è amessi
 
ma pure l'obediente
da la fadiga zita
scartato da la vita
quando non da' più niente.
 
Tuto è corpo d'amore
mischiato al bene e 'l male,
tuto è 'l fenomenale
essece: serpe o fiore
 
ortiga o albaspina
infedeltà, costanza
fortuna, malandanza
sesso d'omo o vagina
 
e te, dialeto caro
che da l'infanzia sorti,
t'ha cinguetato i morti
su l'alto colombaro
 
e te, arboro mio,
c'arfoi a tute le lune,
'nte le tue fieze brune
io so' pedochio e e dio.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
O cessi molli e zozi,
quaderni dei proscriti
de l'amore, singhiozi
de temperi' grafiti
 
su l'intonaco liscio
'mpregnato dal fortore
che viene su dal piscio
(maledito languore),
 
chi ve lege se perde
'nt'un vivo labirinto
d'ansia e de mufa verde
'ndove s'afonda tinto
 
de perdizio' infelice
e a la luce del giorno,
com'a Orfeo Euridice,
guarda senza ritorno.

 
 

da So' rimaso la spina,
L'Astrogallo 1977
 


 
 
 
Franco Scataglini (foto di Giovanni Giovannetti)



 
 
Giù pel piano inclinato
 
 
Io come 'ste palline
de flippere, sbatendo
'n tra tante lampadine
dove che mai m'acendo,
 
giù pel piano inclinato,
a tentoni, de fuga,
da quando che so nato
vo cercando la buga.
 
 
 
da E per un frutto piace tutto un orto,
 L'Astrogallo 1973
 


La tortora quinaria
a Francesco De Melis
 
I
 
se un me gesù
tortora in dolo
cercasse el tu
de brolo in brolo
 
'l verso dulente
significando
quel volto assente
visto insugnando
 
el cercamento
però suo vano
per el tormento
d'anda' luntano
 
'sendo al desio
giunto l'ogetto
de qua da l'io
prima del petto
 
e lì d'acosto
fa come l'ombra
ocupa el posto
che non ingombra
 
o ben se staia
filo de lume
come una paia
sopra el bitume
 
legero el modo
del suo legame
streto da un nodo
che non armane
 
e pure al fondo
da parte a parte
de quadro e tondo
mischia le carte
 
*
 
solo la notte
reca che piace
el tu a le grotte
de la mia pace
 
e come l'erba
gerbo cuntesto
copre e non serba
gioia ne' gesto

II
 
el vivo spazio
è del desio
che cerca un sazio
suo amor de dio
 
su le creature
che striscia o vola
sopra le cure
de la parola
 
ora vicina
ora distante
tortora fina
'ntra varie piante
 
come el cipresso
giusto e devoto
come l'opresso
ramo del loto
 
el tuo richiamo
volgi a l'intorno
dicendo io t'amo
per tuto el giorno
 
e trovi sguardi
guzi introversi
come ene i cardi
dei loghi spersi
 
siché dal niente
par conformato
quel tu da l'ente
significato
 
e a l'infinito
arde ogni astro
- solo - el relito
del suo disastro
 
*
 
quando l'amata
spoia d'angosce
la deliziata
cosa cunosce
 
sopra el suo petto
scorda l'amato
tuto el rigetto
de l'esse stato
 

III
 
el capovolto
sole d'un fiore
davanti al volto
de l'incolore
 
parve ritrato
dai tui matini
come un volato
desio 'ntra i spini
 
'n tempo sentivo
recinti lieti
parla' dal vivo
dei tui segreti
 
'p'una sirolo
chiara de vie
operte a un rolo
de praterie
 
chi testimonia
tortora pia
fasse acrimonia
la cortesia
 
e per l'insidia
del vechio tarlo
gelosa invidia
fasse el suo sguardo
 
resta el raduno
che ricuncilia
i tanti a l'uno
'ndove li esilia
 
tra i oleandri
d'acque rigate
soto ai meandri
de l'albegiate
 
*
 
"bella che amarti
non seppi mai
perché non parti
perché non vai
 
se qui il dolore
di un luogo bigio
vede il colore
del tuo prodigio"
 
 
(epilogo)
 
come insisteva
tuta l'estate
tortora abreva
'ntra l'altre alate
 
con l'u del verso
cupo stranito
suono diverso
dal di' patuito
 
come veniva
da mezo el folto
solinga e schiva
drento al mio ascolto
 
e me tediava
del suo vaga'
la voce schiva
de carità
 
voce azitita
sempre espropriata
de la patita
vita imparlata
 
folla del metro
che scende o sale
l'istesso tetro
fa universale
 
come a milano
'nt'un aria nera
cos'era umano
cosa non era
 
portiere operte
da un soffio rotto
facce deserte
perse de botto
 
drento a rumori
che trasalisce
come motori
fermi a le strisce
 
'nte l'arbitrario
che se ritesse
- 'l mondo - l'invario
non sape' d'esse
 
 
(1988)
 


Poemetto edito sulla rivista lengua 13, Crocetti 1993
 
 




 
 
Bionda come i lupini

Bionda come i lupini
ne le vaschete chiare,
te pure sai de sale,
uceli', manicure?
Io so' 'sta vita esplosa

Tortura e febre a caso
me viene drento, e moro
senza mori' e so' raso
come ai macelli 'l toro

quando in mezo a la fronte
ie sparane quel chiodo,
e i ochi cerca un ponte
da traversa' e 'nt'un nodo

de sangue ie s'impiomba:
io so' 'sta vita esplosa
che su de sé ripiomba
 
 


El senso del mio testo


Resto solo in uficio:
la fronte contro i vetri.
Sorte da l'edificio
i miei colleghi tetri.

C'è sopra el tavoli'
una spasa de pratiche.
Su la sedia, 'l cuscì
col segno delle natiche.

In 'sto fondo mio morto
de piata situazione,
senza vede raporto,
cio' come 'na visione.

D'un quadro me sovieno:
un scuro de taverna,
'n omo a sede, 'l baleno
fermo de 'na ma' eterna

che chiama quela vita
fori dal suo binario.
'Na facia sbigotita
fa quel'omo ordinario:

fissa la ma' fatale
come sperso 'nte'l niente,
ma ai ochi gia' ie sale
la passione splendente.

L'imperativo muto
de quela ma' 'nte'l sguardo
quanto io avria voluto
trova', come pe' azardo.

L'assenza de quel gesto
da sempre me tortura.
El senso de 'l mio testo
è 'na cancelatura.
 
So' come un viagiatore
 
 
'Nte 'sta freda matina,
la nebia copre 'l molo.
So' 'n'ombra che camina:
l'ombra d'un omo solo.
 
Me 'compagna al rumore
sordo de l'onda grave.
So' come un viagiatore
che ha perso la sua nave.



 
 
El mori' non impara

Piazzeta d'autuno
coi flippere spenti,
de 'n nuvolo bruno
i rami s'è tenti.

De soto a la para
le foie farfuia:
el mori' non impara
'sta foia mia buia.


Amanti invernali

Cosa ce famo qui
e dopo 'ndove andamo?
Volane do' sterlache
su da 'n vapore slavo.



 
 
Te andata via

Come de sopra el letto
l'impronta de l'assenza,
te andata via, 'nte'l petto,
cio' un voto de coscienza.
El museo che insognai


La mia vita cos'era
quando che t'incontrai?
El museo che insognai
in clinica, 'na sera.

Stanze piene de noia
el ricordo me reca:
soto vetri de teca,
tempo che se disfoia.

Scale interote, morte,
che non dava su niente.
'N'ombra freda, radente,
pe' cigolanti porte.

A l'improviso, esterno,
un lampo colpì i ochi
e incenerì in do' tochi
el mio ordinato inferno.

Una finestra grande,
tra i rami de l'acacia,
me mise facia a facia
con el mare e le rande.
 
 


 
da E per un frutto piace tutto un orto, L'Astrogallo 1973




Vita e scritura

Per me vita e scritura
ene compagni, el sai,
tuta scancelatura
dopo dulor de sbai.
 
Se cerca 'n sono lindo
drento de sé e se trova
el biatola' d'un dindo
spersose 'nte la piova.

 
 

Da 'na vilota

Sgargianti 'ntra le foie
a la vista de tuti
per chi rossegia i fruti
che non se pole arcoie?

Hai puntato 'na rosa

Hai puntato 'na rosa
roscia de sopra el core.
Mai se vide 'sta cosa,
sopra el vulcano el fiore.



Madri lascive e oneste

La donna che se veste,
i gesti tondi e fini.
Madri lascive e oneste
ch'inamore' i fiulini!



da So' rimaso la spina, L'Astrogallo 1977
 




 
 
I acrobati d'amore
- che per desio d'ofesa
sempre in punta de core
va su la corda tesa.
 
 
 
 
 
 
 
Dal fondo de la notte
lassa l'erba arveni',
volati i ucceli a frotte
- potato el biancospi'.

Vole, l'intrama gerba,
colma' la spaziatura.
La morte è 'l cruciverba
che detta la scritura.




 
 
El pezeti' de porto
visto da casa mia
grigio, da mare morto,
volse veni' in poesia.



 
 
Al fondo del disdoro
impietoso e beato
me ride (ochi de serpe)
l'enigma del creato.

 


da Carta Laniena, Residenza 1982
 



Nomi, fuligginose
scriture ineloquenti,
non ha più continenti
l'anima de le cose.

Per mano su la brecia
che prenderà el bambino,
la voce del divino
paterno che s'intrecia

a le verdi tonsure
de l'erba, ai dritti ferri
de le reti, sui sterri,
mezo a radici impure

(el brillio de la foia
che rivela la piova,
la lumaga che sdova
lenta, de controvoia)?

Sul mare del frumento,
dulceza e nostalgia
de nave senza scia,
chi rivedrà più el vento?
 
 


Nostra sorte virtuale
elisa dal triregno,
assunta - digitale -
da un illusorio segno.

Dissepolta realtà,
come un'arcaica Cina
brulica in povertà
la carne clandestina

e la finestra è 'l sito
del fuge solitario
dal feriale infinito
del video aceso, invario,

mentre dai pini sciatti
principia la querela
amorosa dei gatti
- la randagia favela.

(Poco pugno de rena
sul palmo: eco le cose,
l'al de là de la scena,
senza nembi né rose).
 
 



Necessità del nasce
truvando el mondo fatto,
esse omini p'un patto
de viventi, ma in fasce.
 
Viagia' in oscuramento
da un pieno d'acque miti,
casca' come aeroliti
da una piega del vento.
 
E un cerchio verde tinge
la specola mentale
che brilla come el sale
e a sé mondo se finge.
 
Mondi, volte stellate,
altissima Bastiglia
sil vive c'arronciglia
le creature stanate
 
dal ventre delle madri,
e cresce a pogo a pogo
(mai come cresce el fogo),
straniate, come i padri.
 
Vite in cattività
soto a scavate fosse
de cielo che non sa
mutamento, rimosse
 
dal lume, non dal peso
del mondo che coercisce,
ombre dal sonno ofeso
chi mai ve risarcisce?
 
Preme con forza come
un retagio esclusivo
l'anda' cercando el nome
con el gesto inflessivo
 
d'una penna tenuta
come una lama sbrisa
contro l'oscura muta
verita' che se glisa.
 
(In questa bigia pigra
consuetudine d'ore,
pensai solo a un'epigrafe
nuda, senza dulore).


da El Sol, Mondadori 1995
 



 
Franco Scataglini nasce ad Ancona il 25 luglio 1930 nel quartiere di Valle Miano. Di origini proletarie, dopo l'avviamento professionale e un biennio di scuole industriali, esercita vari mestieri fino a un impiego nell'amministrazione delle Poste da cui si pensionerà nel 1976.
Dopo la guerra ed un avventuroso sfollamento a Chiaravalle, trova per caso in una biblioteca circolante gli Ossi di seppia di Montale: è per lui la rivelazione della poesia che si lega a una precoce militanza politica (prima nel Partito Repubblicano poi nelle file della sinistra): nel novembre del `51 va in Unione Sovietica con una delegazione di giovani intellettuali fra cui Italo Calvino) ma la delusione è cocente e lo porta per qualche tempo ad avvicinarsi ai democratici cristiani dei "comitati civici".
Coltiva clandestinamente la sua vocazione poetica che, dopo l'uscita di una plaquette postermetica (Echi, S.E.V.A., 1950) per circa un ventennio è fatta di studi clandestini e prove rifiutate: alla lettura dei contemporanei più amati (Saba, Noventa, Penna, Pasolini) lega gli autori del medioevo romanzo, forti di un idioma che recupera la vitalità della pronuncia originaria (e ne sarà testimonianza l'edizione di Olimpo da Sassoferrato, Madrigali e altre poesie d'amore, L'Astrogallo, 1974).
Alla meditazione sui poeti affianca la riflessione sui filosofi dell'esistenza (specie Simone Weil e Adorno) e sulle pagine teoriche di Paul Klee, che tra l'altro costituisce un riferimento importante, con i bizantini, per una attività pittorica gemella, quanto a scelte linguistiche e stilistiche della parola scritta.
Grazie all'incoraggiamento del critico ed editore anconetano Carlo Antognini, pubblica all'inizio degli anni settanta le due prime raccolte organiche: E per un frutto piace tutto un orto (L'Astrogallo 1973) e So' rimaso la spina (ivi 1977).
A cavallo del decennio accadono eventi decisivi per la sua parabola di uomo e di poeta: l'incontro con Rosellina Massi, la sua futura moglie, che canterà come musa esclusiva; la pratica psicoanalitica, dal 1977 al 1983, presso la sezione della Scuola "Maya Liebl"; l'approfondimento delle tematiche legate all'esserci spazio temporale, prima sul periodico "Marche Oggi" poi nel settimanale radiofonico "Residenza" (da lui diretto, redatto insieme con F. Scarabicchi, G. D'Elia e M. Raffaeli) a cura della Rai delle Marche.
Di lì a poco esce la raccolta che sancisce la sua piena maturità d'autore Carta laniena (Residenza, 1982) e che gli vale il "Premio Carducci" nonché il riconoscimento di critici e recensori (Franco Loi, Antonio Porta, Pier Vincenzo Mengaldo) e l'accesso a numerose riviste (da "Linea d'ombra" a "Diverse lingue" a "Poesia"); la sua produzione nel frattempo viene inclusa nelle antologie che testimoniano di un rinnovato interesse per la letteratura di matrice idiomatica: Le parole di legno (a cura di M. Chiesa e G. Tesio, Mondadori, 1984) e Poeti dialettali del Novecento (a cura di F. Brevini, Einaudi, 1987).
La successiva silloge Rimario agontano (1968-1986) (Scheiwiller, 1986) ne riassume l'intero percorso aggiungendovi una sezione inedita, Laudario, dedicata ai temi della caducità e della umana finitezza. Nello stesso periodo prende a lavorare a La Rosa (Einaudi, 1992) il poema che, simulando una versione del classico medievale, riattraversa l'epica del negativo e culmina nell'imago dell'amata quale simbolo e sinonimo della poesia. La pubblicazione del poema segna il definitivo riconoscimento da parte di critica e pubblico: nel luglio del `93 il poeta ne esegue una riduzione col gruppo musicale degli Ogam (Polverigi, Festival Internazionale "InTeatro", a cura della T.E.E., Teatro Stabile delle Marche); nel maggio `94 tiene la sua ultima e memorabile lettura, "Poesia per una vita", nell'aula magna dell'Università di Ancona affollata di giovanissimi.
Dopo la pubblicazione di uno dei suoi poemetti più intensi e complessi, La tortora quinaria ("Lengua", n. 13, 1993) lavora a El Sol, il poema che restituisce il suo percorso in filigrana autobiografica: ultimato nel luglio `94 verrà edito da Mondadori nel marzo del `95; gliene ha dato motivo e incoraggiamento una lunga conversazione registrata nei mesi precedenti dal regista Stefano Meldolesi, in seguito sintetizzata nel video Esplumeor. (Il compositore Ennio Morricone gli dedica intanto due monodie, tuttora inedite, per chitarra e voce recitante, l'una relativa a Passeggero, in Laudario, e l'altra alla prima sezione del poema appena concluso).
Franco Scataglini muore improvvisamente la notte del 28 agosto 1994 nella sua casa di Numana. A Numana riposa nel piccolo cimitero in vista del mare.

 
Bibliografia
 
- E per un frutto piace tutto un orto (pref. di Plinio Acquabona, Ancona, L'Astrogallo, 1973)
- So' rimaso la spina (pref. di Carlo Betocchi, Ancona, L'Astrogallo, 1977)
- Carta laniena (pref. di Francesco Scarabicchi, postfaz. e glossario di Massimo Raffaeli, Ancona, Residenza, 1982)
- Rimario agontano [1968-1986] (a cura di Franco Brevini, Milano, Scheiwiller, 1987)
- La Rosa (pref. di Cesare Segre, Torino, Einaudi, 1992)
- El Sol (risvolto di Franco Brevini, Milano, Mondadori, 1995)
- Echi [poesie 1950] (con uno scritto di Francesco Scarabicchi, a cura di Massimo Raffaeli, Brescia, L'Obliquo, 1997)
 



- Presentazione di Francesco Scarabicchi.
- Premessa di Massimo Raffaeli.
- E per un frutto piace tutto un orto. Introduzione di Plinio Acquabona.
- So' rimaso la spina. Introduzione di Carlo Betocchi.
- Carta laniena. Introduzione di Francesco Scarabicchi. Postfazione di Massimo Raffaeli.
- Rimario agontano. Introduzione di Franco Brevini.
- La rosa. Prefazione di Cesare Segre.
- L'evo medio dell'anima. Introduzione di Carlo Antognini.
- Roberto Antonelli. Qualità velate d'apparenza. "Antico Moderno", 1, Roma 1995.
- Ilde Arcelli. Il topos del giardino nella poesia di Franco Scataglini. Inedito, 1994.
- Franco Brevini. Il giardino di Franco Scataglini. "Filologia antica e moderna", 10, Rubettino 1996.
- Maria Lenti. Io che traduco el sogno. "Hortus", 16, Stamperia dell'Arancio 1994.
- Massimo Raffaeli. Diagramma per Franco Scataglini. "Idra", II, 3, Genova 1991.
- Massimo Raffaeli. Il sole in fondo al labirinto. "La Rivista dei Libri", 7-8, 1995.
 



© 2003/2009 SÉ-SITO
webmater
I materiali presenti in questa pagina sono tratti da fonti pubbliche, la loro riproduzione è conforme all'originale, se ne cita la fonte e l'eventuale individuazione mediante link.
 
pagina aggiornata il 5 gennaio 2009