Marina Agostinacchio
 
 *Homepage 
 carta da navigare 
 *libri consigliati 2008-2006 
 libri consigliati 2005-2004 
 libri consigliati 2002-2003 
 *saggi: Alberto M. Cirese 
 saggi: Nicola Lalli 
 poesia psicoanalisi antropologia 
 poesia psicoanalisi antropologia 
 *kinoglaz-doc: visioni scelte 
 arcoiris tv: cinema 1914-1956 
 arcoiris tv: cinema 1931-1978 
 *Franco Costabile 
 Giuseppe Impastato 
 Franco Scataglini 
 Salvatore Toma 
 *ensayos: Marķa Zambrano 
 ensayos: P. Mora 
 ensayos: P. Mora O. Portela 
 sobre la guerra 
 poemas: P. Mora E. Dalter 
 poemas: J. Falcone O. Portela 
 *antropologi narranti 
 scrittori medici 
 *Silvana Baroni 
 Vivian Lamarque 
 Anne Sexton 
 *webmater E. De Simoni: 
 immagini: Molise 
 beni immateriali 
 scritture di antropologia 
 poesie terapie 
 analisi urbane 
 di sguardi di luoghi 
 sconfinamenti 
 poesie musei 
 poesie terra 
 poesie ali 
 *silloge: M. Agostinacchio 
 silloge: F. Alborghetti 
 silloge: R. Astremo 
 silloge: N. Bidoia 
 silloge: P. Fichera 
 silloge: F. Franzin 
 silloge: C. Grattacaso 
 silloge: R. Ibba 
 silloge: G. Impaglione 
 silloge: C. Pagelli 
 silloge: M. Corsi 
 silloge: M. Pizzi 
 silloge: L. Rocco 
 silloge: M. Saya 
 silloge: A. Spagnuolo 
 silloge: N. Stramucci 
 contributi poetici 
 contributi poetici 
 *risorse web 
 *contatto 
 
 
 
Il Colosso
 
Tre quartetti
 
gennaio 2007
 
 


(Prima stanza)

Di là c’è un colosso che inorgoglisce
e nei malumori sbuffa con i treni
dei film antichi. Pietrifica bocche
che si aprono senza pronunciare.

E così non sai quale condanna per te
né quale dei tuoi misfatti si aprono
in questi giorni a chinare il capo.
Da quanto non confessi le tue colpe?

Di sera la luna che impreziosisce
il mondo inchina. Opachi gli occhi
come un cieco che va col bastone
al cielo; sente bianca e giusta la via.

Devi sottrarre i minuti al mattino
e delle lune che umiliano spavalde
tenere il conto. Si dice in giro
che sei un pipistrello, che fuggi il giorno.

Troppo bianca la nuvola sulla mensa
della tua cucina, a colazione.
Dai vetri la sua ironica orbita
cresce nelle tazze. Accusa con spergiuri.

La tua voce è coltre che gonfia
Le vele  nere, mute sottovento.
Parola che salva, fa il tragitto pieno.
Senza peccato, procede in mare aperto.

Chi si accorge del tuo star male?
Finché non rompi la tua parola
in sillabe e batti col martello
l’O che resiste, fai tornio al vetro sottile.

..........................

(seconda stanza)

C’era un tempo un uomo onnipotente;
le tue danze di bambina tardi a cena.
Bambina dai bei graffiti sulla testa
del colosso. Tessi trecce sul suo capo.

Un filo, due fili, con tua sorella,
il gioco nascosto da qualche parte.
Buono il colosso, nel piatto caldo,
nel fumo soffiava eternità a sera.

La notte vegliava che il sonno fosse
pieno, nelle lenzuola per tre letti.
Nel terzo bambole di pezza, blu gli occhi,
sbarrati per il cane che annusava.

Il cucciolo di lupo non obbediva,
obbediente all’intenzione che inclina
amore verso la stanza. Ancora salve
la sera di un altro giorno, nella fiaba.

Né la catena a cui lui lo legava
ingannava il lupo. La porta  scudo
tra sé e il padrone. Esile sbarramento.
Nell’unico pozzo fluisce l fiume.

.....................

(terza stanza)

Terrai nel cuore il melograno, fiorisce.
Di pomeriggio s’alza primavera.
Sopra la tua mano non senti un soffio?
Subito ti sposti. Da te muovi a un alone.

Tieni le stagioni, corri sul carro
da luna a luna e questa buca ancora
lo scudo d’oro a squame rotte d’aria.
Sei talpa cieca, felice della tana.

Ti guida un richiamo di parola,
sotto la terra adagiata al peso
della foglia. Ancora speri intatta
la membrana. L’umido non ha il sole.

Mese e mese cresce, uno star ritto
l’intero giorno sull’asse portante
della tua ossatura. Altro colosso
ti nutre, cura. Alzi lo sguardo al mondo.

Sai della rosa, recuperi il profumo.
La pietra della casa se resiste
al tempo. Si apre la città diversa.
Giardini misurati dietro a portoni.

Cammini con la bussola tra strade,
il nord sicuro ti orienta. E’ suono,
tu sei l’acqua, il sasso che s’intraspare,
sei la bella loggia del cortile.

 

 

 




 

(A stella spenta)

Dovrò pensare ai tempi del trasloco,
al mese, al giorno, stretta nella gabbia
dove alloggia amore, senso del centro
da pelle ad osso ad articolazione.

Cadranno i sensi, il sole con le cose
immobili, pesanti. Spersa, vagando,
la meta dileguata, la nera mente
sotto il cosmo, schizzata la laringe.

Quello che dovrà bastare, la stella
che si spegne, la sua voce estrema
inadempiente all’ordine divino:
partire, alzare vele, ad altra spera.

Nel bel mezzo della città ogni pezzo
si confonde ed io non so dove il piede
affondi; la qualità del manto,
dell’asfalto spento, si deteriora.

Non riconosco la città, non so
il nome, le vie disabitate,
il portico, il canale… agli occhi d’erba
agli occhi di mattone, agli occhi d’acqua….

Solo esiste distesa galleggiante
di alberi di pietra, di calce e fiume.
E più mi addentro, lontanissima
dal centro, vivo dell’inesistente.

Luoghi, spazi vuoti, la città nera.
Fuori è come dentro e non saprò
d’essere entrata nella città più mia
e un dolore sarà per non esserci.

Persi i punti d’acqua, il corpo, parlerò
con il cielo, aprirò una via pensile
in ciò che rimane di tetti e nuvola:
calcinacci di liane verso le stelle.

 

(18 luglio in bicicletta sul canale)

Rallenti il passo, rallenta la cicala,
passaggio obbligato la via stretta.
Lì sei già stato, ti muovi all’infinito.
Si apre la città alla tua seconda vita.

A quel punto non riconosci strada,
dici,
era una via sul ponte, viaggia
su balconi che quasi baciano l’acqua.
Tutte trasparenti, strade slontanate.

Strade con nomi e cuore travestito,
parola che non nomina davvero,
tu ombra che si spacca, apri la cifra
dentro te, sopra, rinasci, rimani.

 

Ti è dato ora di provare ancora,
di vivere, farti leggero ancora,
prima per la città con altri nomi,
poi con questi che affollano la via.

Ti è dato, rifai la storia, vai
e scrivi- ti giù tra i significati,
col passo deciso del cieco nudo
sul lastricato.Tracce di pianto scarta.


 

Trasloco

Dovrò pensare ai tempi del trasloco,
al mese, al giorno, stretta nella gabbia
dove alloggia amore, senso del centro
da pelle ad osso ad articolazione.

Cadranno i sensi, il sole con le cose
immobili, pesanti. Spersa, vagando,
la meta dileguata, la nera mente
sotto il cosmo, schizzata la laringe.

Quello che dovrà bastare, la stella
che si spegne, la sua voce estrema
inadempiente all’ordine divino:
partire, alzare vele, ad altra spera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(La città)

Nel bianco non c’è sostanza, nel bianco
l’assoluto vagito e il sole in danza.
E piano una mano segna incroci,
case e persiane che non vedi a distanza.

Sei nella città ma forse altri vedono
e si confondono. Lasci entrare
i palazzi attraverso gli occhi di sonno.
Lasci entrare il mare, le navi al porto.

Presto, presto, a frotte si accalca gente,
il mondo ricreato. Dove vuoi essere?
Se prendi diagonali sveltisci
il passo. Le prime stelle felici.

Le voci della rana via dallo stagno.
Non sa di umido né luna la natura,
non sente la rovina, il lavoro
per la casa bianca, l’ombra nella luce.

 

Le stelle non allontanano, sei tu
che torni alla città, alle trasgressioni,
al tuo giuramento, incoerente
incidi già in prima fila la gente.

T’impasti; la terra ha buche, tranelli.
Si gonfia d’acqua, la terra, crepe ebbre
in agguato imbevono la mano;
tumide la corda, la laringe. 

 

Ogni volta rivedo la città nativa.
Il ritorno è da viaggi d’Europa,
e ai bei giardini di un unico fuso
d’ora, mi riprometto acque di fontana.

Quelle e non altre. E quelle sono altre.
Prima della partenza e al ritorno
il filo di memoria si tende
le dispiega in zampilli ancora vivi.

Eppure i ritorni cambiano in forme
che pensavi eterne, le pietre sane
in inferme, gli spazi, il selciato.
E il mio corpo non fa spergiuri.

Perfino i sogni si piegano in litigi,
tutto non è lo stesso, tutto sgrana.
Le parti nell’unica cosa incerta,
le parti sconnesse entrano dagli occhi.

La città vista da dentro, la città
non è la stessa, inghiottita, ingoiata
è un’ameba che s’accomoda a pezzi;
non è lei, tu frughi, sei il parassita.

Se anche la rivisito giorno a giorno,
dentro la stagione, o via dentro via
piedi e gambe e ruote spazio ed angolo
annodando strette, desideri…diseguale.

Potrebbe essere una città di Hokkaido
con traverse prive di nome, e porte
senza civico, con gente che non sa
l’idioma della nascita e non vede.

Ma sono nata, ho camminato,
cammino e rifaccio le strade, sempre
con il dubbio di non essere io,
tornata da un esilio di trent’anni.

Io, i sogni, l’inquieto desiderio,
sicché dormo camminando, vago
sognando, sento parole, sento il vento
lontani o invento d’essere dentro.

Con gli occhi estranei a cose note in piedi.
L’anima dislocata affitta stanze altrove
e le case non sono più quelle,
né più questo nel via vai il mio cuore.

Dove sono è dove vado, e arrivata
aggiungo nuovo tracciato alla carta
che non orienta i tanti me veri
o stranieri da qui agli altri punti cardinali.



 
 
Marina Agostinacchio (Padova 1957) è laureata in lettere ed insegna dal 1983. Nel 1998 è tra i vincitori del concorso nazionale di poesia “Premio Rabelais”, nel 2002 ha vinto il Premio Montale per l’inedito, nel 2003 pubblica  sulla rivista Poesia di Crocetti il poemetto “Elegia” dedicato al padre. Nel marzo 2006 pubblica il volume di poesia “Porticati” edito Book- collezione Tabula.



© 2003/2009 SÉ-SITO
webmater
I diritti dei testi presenti in questa pagina sono dell'autore.
 
pagina aggiornata il 23 dicembre 2008